Tu sei qui: Home Il Comune Uffici e Servizi Ragioneria TARSU - Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani

TARSU - Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani

La normativa di riferimento è il Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507 e il Regolamento Comunale sulla Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi e urbani.

Si ricorda che la tassa è dovuta per l'occupazione o la detenzione dei locali e delle aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, esistenti nelle zone del territorio comunale in cui il servizio è istituito; non sono altresì soggetti i locali o le aree che non possono produrre rifiuti per loro natura o per l'uso cui sono destinati.

Nella determinazione della superficie tassabile non si tiene conto di quella parte di essa ove, per specifiche caratteristiche strutturali e per destinazione, si formano di regola rifiuti speciali, tossici o nocivi, allo smaltimento dei quali provvedono  a proprie spese i produttori stessi.

I soggetti tenuti al pagamento della tassa, devono  presentare al Comune, entro il 20 Gennaio successivo all'inizio dell'occupazione o detenzione, la denuncia unica dei locali e aree tassabili.

Si ricorda inoltre che la denuncia ha effetto anche per gli anni successivi, qualora le condizioni di tassabilità siano rimaste invariate.


AVVERTENZA: in caso di cessione o acquisto di immobili, variazione di indirizzo, immigrazione o emigrazione presso altro Comune, occorre recarsi sempre presso l'ufficio tributi per effettuare l'apposita denuncia. La comunicazione all'ufficio anagrafe e/o al corpo di polizia municipale, non fa venire meno l'obbligo di presentarsi all'ufficio tributi previsto dal D.Lgs. 507/93 in materia di tassa sullo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. I trasgressori saranno necessariamente sanzionati.

 

Contenzioso: contro gli avvisi di liquidazione e/o accertamento emanati da questo ufficio tributi è possibile ricorre, ai sensi del D.Lgs. 31.12.1992 n. 546 e successive modifiche e integrazioni, alla Commissione Tributaria Provinciale con sede a Grosseto, in Piazza Ettore Socci 3.  Il ricorso deve essere redatto in bollo e notificato a questo Comune (a mezzo Ufficiale Giudiziario, tramite servizio postale con plico raccomandato senza busta con avviso di ricevimento, o consegnato direttamente all'ufficio tributi che rilascia ricevuta) e depositato nella Segreteria della Commissione Tributaria Provinciale di Grosseto entro i successivi  trenta giorni. Per ulteriori dettagli consulta il Decreto Legislativo 31 dicembre 1992, n. 546 e successive modifiche e integrazioni.

Ufficio di riferimento

Azioni sul documento